Archivio | dicembre 2016

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA EX REPUBBLICA ITALIANA. — quello che ti nascondono:

1280836_913583462073939_7425414262231746281_nEgregio Presidente abusivo della ex-Repubblica ora definitivamente Res Privata (abusivamente eletto da un Parlamento incostituzionalmente composto solo grazie al voto dei deputati nominati come premio di maggioranza da lei stesso giudicato costituzionalmente illegittimo, e proposto per la carica da un Presidente del Consiglio nominato altrettanto abusivamente da un altro Presidente della ex Repubblica, rieletto anche […]

via LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA EX REPUBBLICA ITALIANA. — quello che ti nascondono:

BUONE NOTIZIE: IL GOVERNO STA PENSANDO DI RIVEDERE IL JOBS ACT — ALGANEWS

DI ENRICO ROSSI Due cose buone sui giornali oggi. 1- il governo starebbe pensando di rivedere il jobs act e tornare sui suoi passi. 2- Remuzzi chiede di assumere nei prossimi 10 anni ottantamila medici e di abolire o rivedere la libera professione per salvare la sanità pubblica. Lavoro e sanità… manca ancora l’istruzione; perché […]

via BUONE NOTIZIE: IL GOVERNO STA PENSANDO DI RIVEDERE IL JOBS ACT — ALGANEWS

Tre cose — Parole Delicate

Coltiva tre cose: la bontà, la saggezza e l’amicizia. Cerca tre cose: la verità, la filosofia e la comprensione. Ama tre cose: le buone maniere, il valore ed il servizio. Governa tre cose: il carattere, la lingua e la condotta. Apprezza tre cose: la cordialità, l’allegria e la decenza. Difendi tre cose: l’onore, gli amici […]

via Tre cose — Parole Delicate

Vorrei richiamare la vostra ATTENZIONE — Mini Racconti Cinici

Vorrei richiamare la vostra ATTENZIONE, la persona che vedete in questa foto si chiama STEFANIA CIANFRINI, da circa 20 anni FINGE di essere un’altra persona, negli ultimi anni diceva di chiamarsi TYTTY CHERASIEN e di essere un’operatrice umanitaria. E’ stata denunciata per FRODE, non si è fatta alcuno scrupolo nell’usare FOTO DI BAMBINI MALATI (alcuni […]

via Vorrei richiamare la vostra ATTENZIONE — Mini Racconti Cinici

LA SUONATRICE DI CHITARRA

Pictorico

Questo dipinto è documentato nel 1676 tra le opere appartenenti alla vedova di Vermeer, da lei stessa ceduto ad un fornaio di nome Hendrick van Buyten quale proroga per il saldo di un pesante debito. La chitarra rappresentata nei dettagli e il paesaggio pastorale raffigurato nel quadro appeso alla parete ci parlano del tema dell’amore, spesso ricorrente nelle opere di Vermeer.

Vermeer - La suonatrice di chitarra - olio su tela 1670-72 Vermeer – La suonatrice di chitarra – olio su tela 1670-72

La suonatrice di chitarra - dettaglio La suonatrice di chitarra – dettaglio

Questi dettagli, l’atteggiamento e la posa della donna sembrano alludere, secondo la critica predominante, ad un’ immaginaria figura collocata nella parte della stanza nascosta agli occhi di chi osserva il quadro, alla quale la giovane suonatrice sembra rivolgersi con allegria. Non più intimità e scene di raccoglimento, ma comunicazione e sorridente, lieta apertura al mondo. L’opera è stata datata 1672, gli anni di inizio della guerra d’Olanda, ma nonostante questo drammatico periodo…

View original post 72 altre parole

Torta di mele e amaretti

Le delizie del Gatto e la Volpe

torta-di-mele-e-amarettiDolce delizioso e facile da eseguire, si consiglia di  realizzarlo un po’ di anticipo in modo che si raffreddi bene.

Gli ingredienti sono:
Scorza di un limone biologico
200 gr di zucchero
400 gr di farina 00
Mezza bustina di lievito
2 mele annurca IGP
200 gr di amaretti
Latte qb
Zucchero a velo

Sabbiare la farina, lo zucchero frullato in un mixer , il lievito e la scorza di limone col burro tagliato a dadini tenuto a temperatura di circa 15 gradi;aggiungere i tuorli leggermente sbattuti e formare una palla che farete riposare per una mezz’ora in frigo. Usare due terzi della pasta per la base( tortiera rotonda da 26 )e la restante per coprirla. Tagliare le mele a fettine sottili e disporle sulla base, ricoprire con gli amaretti leggermente bagnati nel latte. Coprire con la restante pasta. Cuocere per 35 min a 170 gradi. Sfornare e spolverare con…

View original post 3 altre parole

Biscotti al cocco — Cuddles of Life

Vivaci e golosi, delle piccole delizie al cocco irresistibili e molto facili da realizzare, ecco qui la ricetta 😋 : 190 gr. farina 70 gr. burro 50 gr. cocco in polvere 80 gr. zucchero 1 uovo 1 cucchiaino di lievito PROCEDIMENTO Mescolare il burro con lo zucchero, aggiungere l’uovo e mescolare, aggiungere il cocco grattugiato ed […]

via Biscotti al cocco — Cuddles of Life

Presepi per tutti

15492590_1307557212648326_5032977874805383818_n

PRESEPI PER TUTTI!

Come da tradizione, anche quest’anno nella quarta domenica di Avvento, durante la Messa ‘principale’ della mia parrocchia il Sacerdote benedirà  le statuine di Gesù bambino che ci porteremo da casa, con l’ invito  a regalare immagini di Gesù bambino, perché se non si fanno più i presepi è un brutto segno!’

Per fortuna pare che siano ancora in molti a capire l’importanza di questa usanza, che riassume in sé i valori della nostra tradizione  e, soprattutto, della nostra Fede.

Anzi, pare esserci una riscoperta del presepio, dopo anni di dubbi ……tipo: ‘Ma si potrà? Non è che offendo qualcuno?!’   Non è chiaro come un bambino in una mangiatoia possa turbare gli animi, in quest’epoca in cui si vede di tutto, ma la buona notizia è che pare si stia recuperando il coraggio di realizzare questi temerari allestimenti.

Così, se in alcune parrocchie come la mia esiste addirittura un ‘Concorso dei Presepi’, sono molte le chiese, le abitazioni o gli ambienti espositivi in cui è possibile ammirare presepi piccoli e grandi, semplici e complessi, ma che sempre scaldano il cuore.

Nella chiesa del Buon Pastore, centro di Reggio Emilia ,abbiamo quest’anno il privilegio di ospitare le creazioni degli alunni dell’Istituto Comprensivo Fermi, grazie all’iniziativa della loro insegnante Prof.ssa Di Caterino, che porta avanti questo bel progetto da sei anni.

E’ bello constatare la passione e la cura che i ragazzi, supportati dalla loro insegnante e dalle loro famiglie, hanno dimostrato nel realizzare -principalmente con materiali di riciclo-  le loro opere presepiali, che è possibile ammirare nella nostra chiesa di Via Guido Rossa.

Ma vi sono anche tante altre occasioni per trascorrere un bel pomeriggio secondo tradizione.

In centro città, ad esempio, è bello passeggiare in cerca di rappresentazioni della Natività.

Presso la Galleria Parmeggiani in Corso Cairoli è possibile ammirare gratuitamente il tradizionale Presepe Napoletano del 700 di Salvatore Carulli, un imponente e ricco allestimento di 18 metri quadrati.

Anche i frati cappuccini di Via Ferrari Bonini offrono un bel presepe, che sarà inaugurato la vigilia di Natale e che ogni anno raduna molti visitatori.

Prima della sosta per la cioccolata calda, conviene fermarsi ad ammirare il presepe del santuario della Ghiara, realizzato per il quindicesimo anno consecutivo da Pellegrino De Risi.

Per chi preferisce spostarsi in auto, l’Associazione Amici del presepio ha pubblicato anche quest’anno un prezioso libretto che offre molti spunti per trascorrere un pomeriggio tra arte, fede e serenità: si va dal Sentiero dei Presepi di Salvarano, con allestimenti in paese e presso i negozi, nonché con una mostra nel Santuario di San Michele Arcangelo, ai presepi in vetrina di Baiso, ai presepi nel borgo di Bergogno (Casina), al presepe a grandezza naturale di Cerezzola ( Canossa).

A Corneto di Toano si ha una mostra di presepi presso il centro studi Ceccati, e a Lentigione di Brescello si può ammirare il grandissimo presepio con meccanismi e movimenti.

Nella rocca estense di san Martino in Rio e nella torre di San Polo potrete visitare due mostre di presepi, mentre a Rio Saliceto, in via san Lodovico, si trova un’estesa rappresentazione con personaggi a misura d’uomo, oltre che una mostra di presepi in miniatura.

A Villa Aiola, poi, è possibile ’camminare tra i presepi’, seguendo un percorso tra le vie del paese.

Anche nel nostro Appennino esiste una Via dei Presepi, e una tappa è Marola, con i suoi presepi nelle piazze del paese, nel metato, e nell’abbazia matildica. Per chi non ha paura delle curve, più in alto, a Gazzano, accanto alla chiesa di san Marco, in un’antica stalla risistemata, è possibile ammirare i celebri presepi di Antonio Pigozzi,

Se vi è sfuggito il presepe vivente di Carpineti, siete ancora in tempo per quello di Montefiorino del 23 dicembre o del 26 dicembre a Trinità di Canossa.

Per chi proprio vuole strafare, merita un giro la 33^ Rassegna Internazionale del Presepio nell’Arte e nella Tradizone , nella cornice dell’Arena di Verona. Il numero delle edizioni fa ben intuire la validità dell’inziativa, che comunque merita sostegno.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti e per tutti i mezzi di trasporto.  Ma attenzione! La maggior parte delle mostre chiude il 6 o l’8 gennaio.

E poi… se vediamo un presepio anche per caso…  fermiamoci a contemplarlo!

Oltre che un piacere, è un modo per ringraziare chi lo ha allestito e per ricordarci gli uni gli altri: ‘Hei! Natale è questo! E’ Gesù che nasce per noi!!’

Buon Natale di cuore.                                                                 Cristina Caselli