Archivio | 30 gennaio 2018

Tiziano con il suo capolavoro “Paolo III ed i suoi nipoti” ci svela l’arroganza del potere – IL MONDO DI ORSOSOGNANTE

Paolo III con i nipoti

. . . Questo dipinto di Tiziano conservato nel Museo Nazionale di Capodimonte a Napoli , noto ma non notissimo, ha un enorme rilievo nella storia dell’arte. . Infatti l’autore ha l’ardire e la capacità geniale di prendere in giro, e colpire, il potere aprendo la strada ad altri grandi artisti come Goya, Veazquez e […]

Questo dipinto di Tiziano

conservato nel Museo Nazionale di Capodimonte a Napoli ,

ha un enorme rilievo nella storia dell’arte.

Infatti l’autore ha l’ardire e la capacità geniale
di prendere in giro, e colpire, il potere aprendo la strada
ad altri grandi artisti come  Goya, Veazquez e Bacon.

I PERSONAGGI

Il Papa, Paolo III è il grande Pontefice
che combatté la Riforma Luterana con il Concilio di Trento,
ma è anche il committente dei mitici affreschi di Michelangelo

della Cappella Sistina ove è pure ritratto nel “Giudizio Finale” (v. sopra) .

Qui appare vecchio e sofferente con quella testa che appare girata a fatica
ma la sua mano attaccata come un artiglio al bracciolo della poltrona
e la pelliccia maculata che fodera la mantella ci rivelano che questo vecchietto
è un potentissimo leader mondiale.Quest’uomo rappresenta un enorme sistema di potere immobile
che si difende con forza da qualsiasi tentativo di modificarlo.

La forza del suo potere è espressa anche dai nipoti,

il Cardinale Alessandro ed il Principe Ottavio,
(potere ecclesiastico e potere laico) che gli sono intorno a sua protezione.
Ma se l’ecclesiastico mostra con il suo sguardo malinconico un po’ di umanità
appare invece amaramente emblematica la figura del Principe accanto al Papa.

Osserviamo come sia falso ed untuoso il suo inchino,

come sia sfuggente e ambiguo il suo sguardo e come sia simbolica
quella mano appoggiata sulla spada pronta ad intervenire se necessario.

Non meno significativo è l’orologio d’oro sul tavolo quasi a simboleggiare
la precisione che devono avere i meccanismi del potere.

SIGNIFICATO

Il Papa è ormai molto vecchio, i nipoti devono essere pronti a tutto
per mantenere in famiglia il potere.

Pronti cioè a creare o cancellare nuovi stati o staterelli, a fare congiure,
a ricattare, e a nominare nuovi cardinali e/o nuovi principi per nuove alleanze.

Tiziano

La grande forza espressiva del dipinto ci rivela in fondo
una cosa eterna, la forza del potere, che si estrinseca
in comportamenti amorali o immorali come il trasformismo,
l’accaparramento di beni pubblici, l’ipocrisia, i favoritismi etc…

ANALISI

Tiziano utilizza il suo intenso e fantastico colore non per addolcire
ma per evidenziare una realtà e svelare cosa nasconde il potere.

I personaggi dipinti sono così sicuri di sé che non si accorgono
dell’enorme forza critica che il dipinto assume ed il Vasari

racconta che il dipinto era così apprezzato che molti fedeli

nel vederlo credevano di trovarsi davvero davanti al Papa.

Tiziano sbatte in faccia a loro la verità che ha una tale evidenza
che nessun potere può distruggere o coprire con belle parole a lungo

e dunque il dipinto ha in sé una grande carica innovativa.

Tony Kospan

IL GRUPPO DI CHI AMA L’ARTE FIGURATIVA